Recensione Vaude Rupal Light 28

recensione zaino alpinismo Vaude Rupal
Voto Totale
4.3
  • Traspirazione sul dorso
    (4)
  • Comfort
    (5)
  • Funzionalità
    (2.5)
  • Stabilità
    (5)
  • Peso
    (5)
Voto Utenti 0 (0 recensioni)

IN SINTESI

Zaino dalla filosofia minimalista, estremamente leggero ma allo stesso tempo molto stabile sulla schiena. Tessuto idrorepellente e design che agevola il movimento in arrampicata. Porta-piccozze da migliorare.

Pro

  • Leggerezza
  • Schienale stabile e spallacci ergonomici
  • Chiusura facile e veloce
  • Linea essenziale

Contro

  • Porta piccozze poco stabili
  • Cinghia ventrale ingombrante quando si scala

Premessa

Vaude riprende il nome della parete verticale più alta del mondo per offrire uno zaino da alpinismo da grandi prestazioni, senza dimenticare l’anima green che contraddistingue la casa produttrice.

Uno zaino ultraleggero, ispirato agli zaini da trail running, basato su materiali sostenibili e costruito rispettando i diritti dei lavoratori. Tanta roba in soli 610 g!

recensione zaino da alpinismo Vaude Rupal Light

Caratteristiche tecniche del Vaude Rupal Light 28

  • Tessuto principale: 100% Polyamide; 210 D (dernier) HT (high tenacity yarn) Maxi Ripstop Polyurethane coated
  • Tessuto laterale- Face: 100% Polyamide; 70 D Ripstop Silicone Polyurethane coated
  • Peso: 610 g (riducibili a 550 g)
  • Volume: 28 litri
  • Dimensioni: lunghezza 54 cm, larghezza 26 cm, altezza 22cm
  • Paese produttore: Vietnam
  • Link al produttore

Il Rupal Light 28 fa parte della famiglia degli zaini da Touring di Vaude. Questa famiglia è un po’ trasversale e raccoglie zaini da trail running, da alpinismo e da fast hiking; tutti caratterizzati da un design molto essenziale, leggerezza e alte prestazioni.

zaino Vaude Rupal Light 28

Produzione sostenibile

Sul sito Vaude si può trovare il nome dell’azienda in Vietnam dove è fatto questo zaino a dimostrazione della trasparenza del marchio. Inoltre, questo zaino è prodotto in conformità al Grüner Knopf (Green Button), una certificazione di sostenibilità etica e ambientale tedesca.

Infine, le emissioni di anidride carbonica generate dalla produzione dello zaino vengono compensate tramite progetti Myclimate.

Vaude Rupal Light 28

Modalità di test

Ho provato questo zaino insieme al mio compagno Andrea nel mese di giugno e luglio sia in vie di roccia che in hiking di un giorno sulle dolomiti. In genere abbiamo trovato giornate belle, non lo abbiamo testato sotto la pioggia. Per l’uso scialpinistico ci ripromettiamo di provarlo nella prossima stagione.

test zaino Vaude Rupal Light 28

Non perderti le prossime recensioni!
Ricevi via mail i test dei prodotti per le attività che pratichi in montagna.

La prova sul campo del Vaude Rupal Light 28

Materiale dello zaino

La scelta del tessuto di questo zaino è stata dettata dalla volontà di ottenere uno zaino ultraleggero.
Per questo motivo non è stata scelta la cordura, ma un tessuto più leggero di nylon.

I tessuti di Nylon sono caratterizzati dal diametro del filo di partenza, un filo 210 D (dernier) è un filo più grosso, quindi pesante, di un filo 70 D. Più un filo è grosso più è resistente.

Il Nylon può essere anche tessuto con trama ripstop: ovvero a tratti regolari è usato un filo più grosso di rinforzo che aumenta la resistenza allo strappo (rip). Questa tramatura è facilmente visibile sullo zaino come quadrettatura.

Zaino leggero per alpinismo
La quadrettatura della trama Ripstop del Nylon 210 D.

Di per sé un tessuto nylon non è impermeabile, in genere si applica un trattamento DWR (Durable Water Repellent). In questo caso è stato usato un trattamento a base poliuretano, così da non usare prodotti a base fluoro (PFC).

Questo trattamento non è eterno e la stessa Vaude ricorda di trattare periodicamente con idro-repellenti i tessuti dello zaino.

Zaino impermeabile per alpinismo

Ora che abbiamo chiare le caratteristiche dei materiali dello zaino, capiamo bene come sono stati selezionati: sul fondo, sulla parte anteriore, superiore e posteriore dello zaino è usato il Nylon 210 D, più pesante ma più resistente.

Sulla parte laterale è usato invece il Nylon 70 D, più leggero. Le cuciture tra le varie parti sono rinforzate ma non nastrate.

Vaude Rupal Light 28
Le cuciture rinforzate del Vaude Rupal Light 28.

La scelta di materiali è molto simile a quella fatta da Blue Ice con lo zaino Firecrest 28. Ciononostante questo materiale pare un po’ delicato come resistenza a abrasione su roccia: ho infatti temuto molto quando ho arrampicato in diedri e camini.

Sulla parte laterale, dove ci sono i cinghietti di compressione e di aggancio degli sci, il nylon 70 D appare troppo leggero per resistere a lungo al contatto delle lamine.

D’altra parte, per avere maggiore resistenza all’usura a parità di peso, bisognerebbe usare tessuti più costosi rinforzati in Dynema come per il Ferrino Istinct 25 o il Samaya Ultra 35.

Forma dello zaino

Il Rupal Light 28 è essenziale: una sacca unica dritta, chiusa in alto con cordino di compressione, con una piccola patta, provvista di una sola tasca posteriore per riporre piccoli accessori.

Sulla parte anteriore dello zaino troviamo una daisy-chain che serve per agganciare la patta e per agganciare eventuale materiale esterno. Sono poi disponibili due porta-piccozze di tipo moderno.

Per ogni lato dello zaino sono disposte due cinghie di compressione, che servono anche come porta-sci.

La patta superiore dello zaino è rinforzata al suo interno (non so bene per quale ragione) e va a proteggere la chiusura con laccio di compressione dello zaino.

Di fatto non è realizzata una chiusura impermeabile quindi se si prevede di camminare sotto l’acqua, meglio proteggere il contenuto dello zaino all’interno di una sacca impermeabile.

chiusura zaino da alpinismo

Vaude indica che la patta può essere usata per fissare una corda in cima allo zaino: ciò è praticamente impossibile poiché la patta è quasi completamente cucita attorno all’apertura dello zaino.

Ciononostante, una corda può essere fissata molto bene in cima allo zaino: da pieno, infatti, lo zaino ha una forma piatta su cui appoggiare la corda, che poi viene fissata molto bene dai due cinghietti laterali.

porta corda zaino alpinismo Vaude

La tasca porta accessori è molto stretta. Manca il cordino interno di bloccaggio delle chiavi ma viste le ridotte dimensioni difficilmente si rischia di smarrire il contenuto.

tasca porta accessori zaino Vaude alpinismo
La tasca porta accessori del Vaude Rupal Light 28.

Lo zaino è molto capiente e la forma liscia a sacca permette di riempirlo molto bene, riuscendo a sfruttare tutto il litraggio a disposizione. Tuttavia, una volta riempito, lo zaino tende a spanciare sul fondo.

All’interno dello zaino è predisposto un alloggiamento ampio per la sacca di idratazione con uscita del tubicino al centro degli spallacci. È possibile poi fissare il tubicino sia a destra che sinistra.

Gli spallacci e la cinghia

Gli spallacci di questo zaino sono eccezionali. Sono stati progettati per avere forma ergonomica e sono ispirati al trail running. Sia quando si cammina, sia quando si arrampica, non danno mai fastidio né limitano i movimenti.

Anche a zaino carico la pressione esercitata sulle spalle non è mai eccessiva né fastidiosa. Unico dettaglio da perfezionare è la cinghia di tensione al petto degli spallacci: è giusta giusta per me che ho petto di 90 cm. Se userò questo zaino in inverno sarà impossibile chiudere questa cinghia vestendo una giacca invernale.

Spallacci comodi per zaino arrampicata
Lo schienale dello zaino Vaude Rupal Light 28. Notare il fascione imbottito della cinghia in vita.

La cinghia in vita è realizzata come fascione imbottito che termina con una cinghia da chiudere in vita. Il fascione imbottito sostiene bene il peso dello zaino da pieno, ma a mio parere è un dettaglio sbagliato su questo prodotto. È solo peso in più che non ci sta in uno zaino così essenziale e inoltre, quando si scala, interferisce spesso con i porta-materiali dell’imbrago.

fascia ventrale zaino Vaude Rupal
In certi movimenti la fascia va sopra il porta materiali dell’imbrago.

Lo schienale del Vaude Rupal Light 28

Lo schienale è realizzato in materiale idrorepellente. Al suo centro è stato creato un canale di ventilazione che limita la sudorazione. La forma dello schienale è mantenuta tramite due stecche di alluminio rimovibili.

Se si rimuovono queste stecche il peso dello zaino è di 550 g e a questo punto è addirittura comprimibile (cosa utile se magari lo si porta via come zaino secondario in spedizione, lo si può infatti schiacciare per bene dentro il saccone).

Vaude Rupal Light 28
Le stecche di alluminio rimovibili dallo schienale del Vaude Rupal Light 28.

La combinazione spallacci, cinghia ventrale e schienale riesce a creare uno degli zaini da alpinismo più stabili che abbia mai provato. Si sente lo zaino sempre ben stabile sulla schiena, sia quando si cammina che quando si scala.

Porta piccozze e porta sci

I due porta-piccozze sono di tipo moderno: con elastico superiore per blocco del manico, piastrina elastica che ferma la testa, taschina centrale che tiene in posizione la becca. L’elastico di blocco del manico presenta un comodo gancetto che chiudere l’elastico stesso.

Ciononostante il sistema porta-piccozze è migliorabile: il manico delle picche è tenuto troppo verso l’esterno e queste risultano un po’ ballerine.

porta piccozze zaino Vaude Rupal

Come si diceva, i due cinghietti laterali di compressione possono essere usati anche come portasci. Ho potuto provare questo accessorio solo “a secco” e non in ambiente. Il sistema risulta stabile e chiude bene sci anche larghi.

Zaino alpinismo porta sci

Vestibilità del Vaude Rupal Light 28

Il Vaude Rupal Light ha un’unica taglia e un design un po’ stretto, che ritengo non ottimale per persone di grande statura o molte robuste su petto e spalle.

Test Vaude Rupal Light 28

Consigliato per

Il Vaude Rupal Light 28 è uno zaino idrorepellente ma non impermeabile, molto leggero, stabile ed ergonomico. Per queste ragioni mi sento di consigliarlo per l’alpinismo estivo di uno o due giorni, per trekking veloci e vie ferrate.

Oltre alla già citata leggerezza, vanta un ottimo rapporto qualità / prezzo ma il materiale non è indistruttibile e necessita di un po’ di attenzione. Migliorabili i due porta-piccozze, in quanto poco stabili.

Acquista OnlineAcquista in Negozio
Sei interessato ad altri articoli Vaude?
cimalp vinson

Cimalp Vinson

Un guscio che non teme i maltrattamenti, pensato per alpinismo invernale e in alta quota.

la sportiva g-tech

La Sportiva G-Tech

Scarponi al vertice delle prestazioni per alpinismo invernale su cascata e misto tecnico.

recensione sacco a pelo Ferrino Mystic High Lab

Ferrino HL Mystic

Sacco a pelo per alpinismo e trekking con temperature fino a -10° e con clima umido.

Lascia una recensione o un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sending

Hai provato il prodotto? Assegna un voto da 1 a 5

Cerca la recensione

Ultime Recensioni

LA NEWSLETTER
Recensioni scritte da appassionati come te!

Iscriviti e riceverai le ultime novità ogni mese comodamente nella tua mail!

Attività a cui sei interessato

Ti potrebbero interessare anche ...

Test Aku Croda Dfs Gtx
Matteo

Aku Croda Dfs Gtx

Scarpone da alpinismo leggero e preciso sul tecnico e allo stesso tempo comodo anche negli avvicinamenti.

Test Sea to Summit Spark SpIII
Sarah

Sea to Summit Spark SpIII

Sacco a pelo dal peso e ingombro ridotti, per un utilizzo con temperature fino a -8°.

Test Lupine Piko
Andrea

Lupine Piko

Lampada frontale al vertice delle prestazioni per potenza dell’illuminazione.

COME SCEGLIERE GLI SCARPONI DA ALPINISMO

Non perderti le ultime recensioni

Alpinismo, arrampicata, scialpinismo, trail running o trekking? Decidi tu quali recensioni ricevere direttamente nella tua mail!