Recensione VAUDE ASTRUM EVO 60+10

recensione zaino Vaude Astrum Evo 60+10

Hai già provato questo prodotto? La tua opinione è importante!

Voto Totale
2.8
  • Traspirazione sul dorso
    (3)
  • Comfort
    (4)
  • Funzionalità
    (1)
  • Stabilità
    (3)
Voto Utenti 0 (0 recensioni)

In sintesi

Uno zaino capiente e costruito con materiali di qualità. Peccato per la mancanza di accessori (tasche e cinghie esterne) che lo rendono poco versatile per il trekking e più adatto ad un utilizzo come zaino turistico.

Pro

  • Qualità dei materiali
  • Comfort
  • Traspirabilità del dorso
  • Apertura frontale a valigia
  • Peso contenuto

Contro

  • Scarsa dotazione di agganci esterni per picozza, tenda e altro.
  • Assenza di copri-zaino impermeabile

Ho lo zaino Vaude Astrum Evo 60+10 da un paio di mesi, durante i quali l’ho provato in diverse occasioni per escursioni con tenda, sacco a pelo e viveri vari.

Il peso massimo che sono arrivato a portare con l’Astrum è stato di 15 kg, dovuto sopratutto alla necessità di portarsi dietro acqua in una zona poco fornita.

Devo ammettere che non è facile esprimere un giudizio su questo zaino. Il Vaude Astum Evo ha infatti grandi pregi ma anche alcuni evidenti difetti.

Ma mentre i pregi sono piuttosto oggettivi, alcuni difetti possono dipendere dall’utilizzo che se ne fa.

Lo zaino Vaude in azione

Partiamo dai pregi. 

Innanzitutto è uno zaino di ottima qualità, con materiali eccellenti (ed eco-compatibili, con certificazione Vaude Green Shape) e grande cura costruttiva. Anche il design, minimalista ed essenziale, è piacevole.

Peso contenuto: poco sotto i 2 kg.

recensione zaino Vaude Astrum Evo 60+10
Design sobrio e materiali di qualità

Indossato è comodo, anche con carichi pesanti. Gli spallacci e il dorso hanno un’imbottitura a nido d’ape che aiuta la schiena e le spalle a disperdere il sudore e sono regolabili facilmente per trovare la taglia giusta, anche nell’altezza del dorso.

Dorso e spallacci zaino Vaude
Spallacci e dorso ben imbottiti e traspiranti

L’apertura frontale consente un facile accesso allo zaino e lo trasforma quasi in una valigia, così come le maniglie imbottite sul fronte consentono di sollevarlo oltre che in verticale anche in orizzontale.

zaino con apertura frontale a libro
L’apertura frontale a “libro” e le maniglie per sollevarlo in orizzontale

Intelligente, infine, la patta dello zaino che è allungabile (per ricavare gli ulteriori 10 litri di capienza) ma anche rimuovibile. Grazie alla cinghia in dotazione, può diventare una piccola borsa da portarsi dietro quando non si vogliono lasciare soldi e documenti nello zaino. Particolare utile sopratutto in ambienti urbani, ostelli o rifugi.

zaino con patta separabile
Patta superiore utilizzabile come borsa a tracolla

Veniamo ora ai difetti.

La pecca peggiore, secondo me, è il numero limitato di cinghie e di agganci esterni. Le cinghie di compressione laterali non sono adatte allo scopo in quanto quella inferiore è “affogata” nella tasca in rete.

Le due cinghie collocate nella parte frontale in basso sono molto corte e riescono a malapena ad ospitare una tenda compatta o un materassino. Mancano anche i porta-picozza.

Insomma, la filosofia dello zaino è di ospitare tutto dentro, lasciando poca flessibilità per agganciare esternamente altri materiali.

zaino Vaude porta bastoncini
Pochi gli agganci esterni. Qui quello per i bastoncini

L’altro difetto è la mancanza di un copri-zaino incorporato. Vedendo la qualità dei tessuti e delle finiture, ho pensato che lo zaino potesse essere impermeabile, ma purtroppo ho verificato – in occasione di un temporale di qualche settimana fa – che non è così. In caso di pioggia forte l’interno si bagna.

test impermeabilità zaino Vaude Astrum sotto temporale
Test impermeabilità dello zaino sotto intenso temporale

Infine, ho trovato gli agganci degli spallacci con la leva metallica apribile un po’ ballerini: in un paio di occasioni si sono aperti, pur senza conseguenze particolari.

La leva metallica della fibbia dello spallaccio a volte si apre in modo accidentale

Concludendo, ho trovato il Vaude Astrum più adatto ad un utilizzo come zaino da lunghi cammini o da viaggio (grazie all’apertura a valigia e alle comode maniglie) piuttosto che come zaino specifico per il trekking.

Per questo utilizzo la scarsa dotazione di cinghie e agganci esterni è penalizzante e rende lo zaino poco versatile.

Acquista Online
Sei interessato ad altri articoli Vaude?
Sei alla ricerca di altra attrezzatura per il trekking?
Test Tubbs Flex RDG

Tubbs Flex RDG

Ciaspole con sistema BOA adatte a percorsi di media e alta difficoltà.

Test tenda Ferrino Namika 2

Ferrino Namika 2

Una tenda 2 posti e 4 stagioni dal peso e volumi contenuti. Stabile e ben isolata.

recensione ciaspole Tubbs Flex

Tubbs Flex Alp

Ciaspole con caratteristiche tecniche di livello medio-alto. Pratiche e veloci, sia da indossare che da togliere.

Lascia una recensione o un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sending

Hai provato il prodotto? Assegna un voto da 1 a 5

Cerca la recensione

Ultime Recensioni

LA NEWSLETTER
Recensioni scritte da appassionati come te!

Iscriviti e riceverai le ultime novità ogni mese comodamente nella tua mail!

Attività a cui sei interessato

Ti potrebbero interessare anche ...

aku slope original gtx
Emanuele

Aku Slope Original GTX

Uno scarpone da trekking con 40 anni di storia, rivoluzionario ai tempi ma attuale ancora oggi.

recensione giacca Millet Kamet
Giulia

Millet Kamet GTX

Guscio da alpinismo a tre strati dal taglio femminile e facilmente regolabile.

ferrino lightec 1000 duvet
Emanuele

Ferrino Lightec 1000 Duvet

Un sacco a letto in piuma per trekking estivi ad alta quota o nelle stagioni intermedie a quote basse.

Adidas Terrex Techrock
Valeria

Adidas Terrex Techrock

Guscio essenziale e resistente per attività con condizioni meteo impegnative.

Come scegliere sci alpinismo