Recensione Ortovox Peak Light 30 S

test zaino Ortovox Peak Light
Questa è una recensione
Voto Totale
4.3
  • Traspirazione sul dorso
    (3.5)
  • Comfort
    (5)
  • Funzionalità
    (4.5)
  • Stabilità
    (4.5)
  • Peso
    (4)
Voto Utenti 0 (0 recensioni)

Summary

Uno zaino trasversale, robusto e modulabile, dedicato ad alpinisti che si muovono in alta montagna, con gli sci o a piedi, e su vie di arrampicata in quota. Interessante la possibilità di eliminare delle componenti per ridurre il peso ed aumentare le occasioni di utilizzo.

Pro

  • Peso modulabile
  • Facile accesso ai materiali
  • Versatilità di utilizzo
  • Ampia gamma di tasche e scomparti

Contro

  • Traspirazione dello schienale limitata nelle giornate più calde

L’Ortovox Peak Light 30 S è progettato per soddisfare le esigenze degli alpinisti e degli scialpinisti che cercano uno zaino leggero e funzionale. Uno zaino studiato per ascensioni in quota, modulabile e dal peso contenuto.

ortovox peak light 30s

Caratteristiche tecniche dell’Ortovox Peak Light 30

  • Peso: 1.210 g riducibili a 900 g
  • Lunghezza ridotta (S) per il busto femminile e per stature fino a 175 cm
  • Materiale: poliammide 420 D Ripstop 50% riciclato e poliammide 420 D 100% riciclato
  • Sistema dorsale Swisswool Tec Knit
  • Cintura in vita, patella e rinforzo dorsale rimovibili
  • Predisposizione per sistema d’idratazione
  • Cerniere impermeabili
  • Doppio accesso: dall’alto e con zip perimetrale
  • Fissaggio sci, bastoncini e piccozze
  • Link al produttore

ortovox peak light 30s test

Modalità di test

Ho testato lo zaino Ortovox Peak Light 30 S durante la stagione primaverile scialpinistica sulle Alpi e in Norvegia, su ghiacciaio e vie di roccia. In tutte queste occasioni si è rivelato un compagno affidabile con prestazioni e comfort eccellenti, perfetto per affrontare le salite più impegnative in quota.

Ha un peso relativamente leggero (dal 20% al 45% in meno rispetto al “fratello” Peak 35), accessori per ogni esigenza e una costruzione robusta con materiali di alta qualità. Con una capacità di 30 litri, l’ho trovato ideale per escursioni di un giorno.

portage con sci e scarponi

ortovox peak light 30s in norvegia

La prova sul campo dell’Ortovox Peak Light 30 S

I principali punti di forza dello zaino Ortovox Peak Light 30 S sono il comfort e la stabilità.

Altro punto di forza è dato dagli spazi ben studiati che permettono una buona organizzazione dei materiali. Pala e sonda non hanno una tasca dedicata, ma trovano la loro collocazione senza problemi.
Anche per le uscite alpinistiche, sono molto utili gli accessori per fissare corda e casco.

ortovox peak light 30s in test roccia

Comparti

Su ghiacciaio, per un veloce cambio, i ramponi sono facilmente accessibili dal comparto principale grazie alla zip esterna.

ortovox peak light 30s in test alpinismo

Le zip di facile accesso mi hanno permesso di trovare rapidamente anche rampanti, guscio, o altri materiali necessari senza dover disfare tutto lo zaino.

tasca principale ortovox peak light 30s
Tasca principale

Ho apprezzato la funzionalità della tasca sulla cintura per il cellulare. Inoltre vi è una tasca esterna per snack, e la tasca superiore si può usare per riporre guanti, maschere e berretto.

tasca ventrale
Tasca ventrale

taschina esterna
Tasca esterna per piccoli oggetti

Molto pratici i due porta piccozze e il portacasco in rete, che può essere fissato in due posizioni: frontalmente o sulla patella.

porta casco ortovox peak light 30s
Porta casco e piccozza

Materiali di soccorso

Diversamente dal modello più capiente Peak 35, l’Ortovox Peak Light 30 S non offre una tasca dedicata al materiale di soccorso, ma un unico compartimento che ha due punti di fissaggio dedicati alla sonda e alla pala.

interno scompartimento e gestione del materiale
Collocazione di pala e sonda con asole dedicate

Porta-sci

Nonostante il design minimalista, caricare gli sci per il portage è stato veloce ed ergonomico. Non ho sci particolarmente leggeri, ma non ho avuto nessun problema o fastidio a spalle e schiena.

dettaglio porta sci laterale
Fissaggio laterale degli sci

zaino indossato con sci

Oltre che lateralmente, gli sci si possono fissare anche con il sistema diagonale.

Comfort e modularità

Grazie alla lunghezza “short” che si adatta bene alle misure femminili, lo zaino si è dimostrato sempre stabile e confortevole, caratteristiche che trovo un importante vantaggio rispetto ad altri marchi specializzati.

Questo si traduce in un’ottima stabilità, che si apprezza particolarmente nelle discese fuori pista e nell’utilizzo in arrampicata.

zaino Ortovox Peak 30 sugli sci

Inoltre, l’Ortovox Peak Light 30 S consente di risparmiare ulteriore peso rimuovendo la cintura lombare, la patella e il telaio in alluminio, cosa che può essere utile in itinerari di arrampicata. Tuttavia, personalmente ritengo che il telaio in alluminio offra un supporto importante, in cambio di un peso minimo.

zaino e sistema supporto schiena
Supporto schienale

Rimuovendo la cintura ventrale si ottiene spazio e manovrabilità per imbrago e materiali di alpinismo.

Relativamente alla patella, ho notato un punto critico: in caso di sua rimozione, lo zaino si ritrova senza una chiusura vera e propria se non quella offerta dalle stringhe che però rimangono fuori e si possono agganciare a rami o altro.

Un’alternativa alla rimozione completa della patella è il suo inserimento all’interno della tasca principale, così da non intralciare in arrampicata con il casco.

ortovox peak light 30s test roccia

Traspirazione

La traspirazione sul dorso è stata ottimale in quota e durante condizioni invernali, mantenendo la mia schiena asciutta anche durante le salite intense (fino a primavera con le temperature più alte).

Il sistema di schienale ibrido Swisswool garantisce comfort di utilizzo grazie a tre morbidi cuscinetti che assorbono l’umidità riducendo la sensazione di bagnato.

portage sci con sistema laterale

Solo in ambienti più caldi, la traspirazione mostra qualche limite, quindi sconsiglierei l’Ortovox Peak Light 30 S per le vie di roccia in estate. Resta ottimo – anche in estate – su ghiacciaio o in ambienti in quota.

zaino durante una via di roccia

Capienza

Con una capacità di 30 litri, lo zaino è adatto ad escursioni di un giorno, in cui è necessario portarsi dietro attrezzatura alpinistica o scialpinistica completa. Meglio orientarsi sulla versione più capiente (la 38 S) per salite o traversate di più giorni.

accesso superiore
Comparto principale caricato dall’alto

Sistemi d’idratazione

Lo zaino Ortovox Peak Light 30 S offre un apposito passante per la cannula della sacca idrica e un fissaggio interno grazie a una clip, ma senza tasca interna dedicata.

Non dispone invece di un porta tubo esterno isolante, come ho visto su altri zaini da me provati. Infatti, durante le temperature molto basse in alta quota, ho dovuto inserire il tubo dell’acqua all’interno dello zaino per evitare fastidiosi congelamenti.

zaino ortovox usato in quota

Sostenibilità

Infine, ma non per ultimo, l’Ortovox Peak Light 30 S è uno zaino sostenibile: è realizzato con poliammide riciclato dal 50 al 100%, e le emissioni di CO₂ per la sua produzione vengono compensate da Ortovox stessa.

Non perderti le prossime recensioni!
Ricevi via mail i test dei prodotti per le attività che pratichi in montagna.

Vestibilità

Devo dire che sono rimasta molto soddisfatta dal taglio S, che identifica una lunghezza dello schienale “short” pensato per il corpo femminile. Un dettaglio che ne aumenta l’ergonomia.

zaino in test in scialpinismo

Confronto con il Peak 35

La poca differenza di prezzo tra il Peak Light 30 e il Peak 35 rispecchiano in realtà caratteristiche costruttive e di destinazione d’uso in parte differenti. Chiara è l’appartenenza alla stessa famiglia ma a parte il litraggio maggiore, il Peak 35 ha uno scompartimento dedicato all’attrezzatura di emergenza, la tasca laterale “a scomparsa” per i ramponi e lo schienale interamente in Swisswool. Quindi uno zaino più strutturato, scialpinistico e comfortevole. Dall’altro lato il Peak Light premia la versatilità, grazie alla possibilità di configurare lo zaino in base all’attività, consentendo di alleggerirlo e renderlo più “essenziale” per uscite anche impegnative.

Consigliato per

Ortovox Peak Light 30 S è consigliato ad alpiniste e scialpiniste che cercano uno zaino stabile, funzionale e modulare con un peso relativamente contenuto, anche se non record.

È uno zaino di qualità, di stampo classico, ideale per ascensioni di un giorno su terreno di alta quota e tecnico, dove è necessario portare con sè l’attrezzatura completa, che si tratti di alpinismo, roccia o scialpinismo.

test piccozze cascate di ghiaccio Simond

Simond Mamba

Piccozza da cascata leggera e dalla buona battuta, ma con limitate possibilità di personalizzazione.

Lascia una recensione o un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sending

Hai provato il prodotto? Assegna un voto da 1 a 5

Cerca la recensione

Ultime Recensioni

LA NEWSLETTER
Recensioni scritte da appassionati come te!

Iscriviti e riceverai le ultime novità ogni mese comodamente nella tua mail!

Attività a cui sei interessato

Ti potrebbero interessare anche ...

plum karibou 12
Edoardo

Plum Karibou 12

Attacco da freetouring robusto e dalle interessanti prestazioni in discesa.

mammut trion nordwand 28
Antonio

Mammut Trion Nordwand 28

Zaino per salite alpinistiche tecniche e veloci, leggero e stabile sulla schiena.

marker cruise 10
Michele

Marker Cruise 10

Un attacco da ski touring dall’utilizzo facile e intuitivo, ideale per chi inizia.

COME SCEGLIERE LA TENDA DA TREKKING

Non perderti le ultime recensioni

Alpinismo, arrampicata, scialpinismo, trail running o trekking? Decidi tu quali recensioni ricevere direttamente nella tua mail!