Recensione Scarpa Triolet GTX

scarpa triolet gtx
Voto Totale
3.8
  • Comfort
    (4)
  • Protezione e sostegno
    (4)
  • Trazione e aderenza
    (5)
  • Termicità
    (4)
  • Performance su neve
    (3)
  • Performance su roccia
    (3)
Voto Utenti 4 (2 recensioni)

In sintesi

Scarpone pronto a (quasi) tutto, molto polivalente e robusto. Sa accompagnare bene in molte situazioni differenti in tutte le stagioni.

Pro

  • Polivalenza
  • Buona termicità, che ne permette l’utilizzo anche in inverno
  • Robustezza

Contro

  • Limitante in caso di utilizzo iper-tecnico
  • In estate risulta piuttosto caldo
  • Peso

Premessa

Lo sappiamo bene, il prodotto definitivo non esiste, specialmente in un ambiente come questo dove ogni giorno le aziende cercano di inventare nuovi prodotti sempre più specifici. Scarpa Triolet Gtx esula un po’ da questo discorso. Rimanendo comunque uno scarpone molto tecnico, non si propone come il nuovo punto di riferimento per il cascatismo estremo o come soluzione in stile fast and light per impegnative creste estive.

E’ invece il mulo, il tuttofare, che per antonomasia non brillerà mai davvero in nessun campo, però riuscirà egregiamente a giocarsi ogni partita.

Caratteristiche tecniche

  • Sottopiede di montaggio Pro Fiber XT20 per conferire comfort, durabilità e struttura
  • Allacciatura speed lacing di nuova concezione
  • Suola Pentax xt e battistrada Vibram Mont
  • Tomaia in pelle scamosciata Perwanger da 3mm
  • Fodera in Gore-Tex Performance Comfort
  • Peso: 815 gr taglia 42
  • Link al produttore

Modalità di test

Gli scarponi in questioni li ho da un bel po’ di tempo, mi hanno accompagnato in scenari molto diversi tra loro come il cascatismo (2 stagioni), alpinismo invernale, , ciaspolate e 4.000 estivi. In linea di massima lo Scarpa Triolet GTX è uno scarpone di cui mi fido molto ed uso senza problemi da novembre ad aprile ed in estate ad altitudini notevoli.

In estate a quote inferiori preferisco utilizzare scarponi più leggeri e traspiranti.

Non perderti le prossime recensioni!
Ricevi via mail i test dei prodotti per le attività che pratichi in montagna.

La prova sul campo degli Scarpa Triolet GTX

recensione scarponi scarpa triolet gtx

Scarpa Triolet GTX nasce come scarpone tre stagioni ma gli si può chiedere ben di più: dal classico 4.000 a luglio alla cascata di ghiaccio a febbraio, passando per canali di neve, ciaspolate e creste.

Partiamo dalla tomaia: 3 mm di pelle scamosciata abbinati ad una membrana in Gore-Tex Performance Comfort assicurano un eccellente isolamento dagli agenti esterni. La mancanza della ghetta integrata ci fa comprendere il carattere polivalente dell’articolo. Un importante fascione in gomma rende maggiormente tenace lo scarpone.

La tenuta termica è buona: l’ho testato ampiamente anche su cascate e si riesce ad utilizzare. Non è uno scarpone propriamente invernale, perciò risulta un po’ freddo d’inverno ed un po’ caldo d’estate, come molti altri scarponi che utilizzano la membrana Gore-Tex Performance Comfort e con tomaia in pelle scamosciata. Nel complesso è un vantaggio se si vuole considerare un utilizzo tecnico a tutto tondo.

Il peso è di 815 grammi al mezzo paio in taglia 42, quindi abbastanza pesante. È tutta robustezza che si apprezzerà con l’utilizzo prolungato nel tempo.

La suola è la Pentax XT di Scarpa con inserti in PU ed EVA di diverse densità per garantire un buon comfort in camminata (soprattutto su terreni morbidi) senza rinunciare ad un ottimo supporto, abbinata ad una mescola in Vibram con presenza di climbing zone anteriore ed aree differenziate per agevolare spinta e frenata. La rigidità della suola è elevata senza essere assoluta, permettendo così a questi scarponi di essere anche abbastanza “camminabili”.

L’attacco per rampone semi automatico completa la dotazione e non causa mai problemi: mai riscontrata nessuna criticità o mancanza di stabilità nè in alpinismo nè su cascate di ghiaccio.

gli scarponi scarpa triolet gtx su roccia
La rigidità della suola conferisce un ottimo supporto in arrampicata

Interessante l’allacciatura: mediante ganci di regolazione auto bloccanti permette di avere regolazioni distinte tra parte superiore ed inferiore. Nella parte inferiore (praticamente un marchio di fabbrica di Scarpa) l’allacciatura è allungata per avere la massima efficacia nella regolazione. I passanti sono in acciaio leggero e plastica: buon connubio di leggerezza e durevolezza.

allacciatura dello scarpone da alpinismo
L’allacciatura speed lacing

Calzata degli Scarpa Triolet Gtx

Di sneakers porto il 44 e mezzo, con lo Scarpa Triolet GTX ho optato per il 45. La calzata è abbondante nella parte destinata ad ospitare la pianta del piede, si consiglia di provarlo con doppia calza, con cui mi trovo decisamente bene. Se si sente il tallone che sfrega suggerisco di creare una sorta di imbottitura in garza sul piede, in questa maniera arrivo ad indossarlo anche 12 ore consecutive.

recensione triolet gtx

Consigliato per

Il prodotto è assolutamente valido e tecnicamente molto avanzato. In un mondo dove tutto tende al settoriale ed iper-specifico Scarpa Triolet Gtx rappresenta una scelta controcorrente!

Creste, misto, trekking impegnativo, escursionismo su ghiacciaio, vie ferrate, cascate, 4.000: per ognuno di questi ambienti esistono scarponi specifici migliori, ma col Triolet puoi approcciarti (e non solo) ad ognuna di queste pratiche senza grossi problemi.

Chiaramente la coperta è corta: come si è già detto prima, in cascate stando molto fermi in sosta si sentirà un po’ freddo e d’estate si tenderà a sudare. La rigidità della suola ci permette di scalare e anche di camminare, anche se in commercio esistono scarponi più camminabili o più di supporto.

Lo scarpone è pesante, perciò un po’ più affaticante nell’utilizzo, tuttavia sarà davvero difficile che si rovini rapidamente come invece modelli molto più leggeri tendono a fare. Il paio da me testato ha molti segni evidenti di ramponate, tuttavia va ancora benissimo e tiene perfettamente l’acqua. Perfetto per chiunque voglia uno scarpone molto polivalente per affrontare terreni d’avventura di varia natura.

Sei alla ricerca di altra attrezzatura per alpinismo?

Test Cimalp Rockfit

Cimalp Rockfit

Un pantalone dal design tradizionale ma di sostanza, per climi freddi e ventosi.

2 risposte

  1. (4)

    con calze molto calde, fermi per 10/15 minuti tengono bene nella neve fino a 0 / -3 C senza vento
    Flettono leggermente
    Consiglio 1 numero in più
    Pianta normale

  2. (4)

    Preso nel 2016, versione Pro HT con ramponatura automatica, utilizzato sopratutto in inverno per canali, creste e ciaspolate: termicità pazzesca, in estate però parecchio caldi ma comunque con una traspirabilità decente, le ho definite “pantofole” per quanto concerne la comodità della calzata e il comfort anche dopo qualche ora di utilizzo (su neve/ghiaccio)
    Allo stesso tempo però la suola molto rigida se da una parte è prefetta per i ramponi, dall’altra affatica non poco i piedi sopratutto su terreni rocciosi (ci ho fatto l’Adamello in autunno, la discesa dalla vetta lungo la val Miller si è presto tramutata in una via crucis.
    Accantonati lo scorso anno per un paio di Mont Blanc Pro (meravigliosi nonchè sensibilmente più leggeri), li uso ancora più che altro per ciaspolate o trekking “nevosi”.
    Risuolati appena prima del covid direttamente da Scarpa tramite rivenditore, con 120 euro hanno rifatto tutta la protezione esterna e installato la stessa suola del Mont Blanc, quindi con gli inserti anteriori e posteriori in plastica più duratura (a differenza della gomma originale, che sopratutto all’anteriore si era usurata abbondantemente dopo relativamente pochi utilizzi.
    Prossimamente vorrei spostarmi su un Aequilibrium Top Gtx per utilizzo ad alta quota estivo.

Lascia una recensione o un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sending

Hai provato il prodotto? Assegna un voto da 1 a 5

Cerca la recensione

Ultime Recensioni

LA NEWSLETTER
Recensioni scritte da appassionati come te!

Iscriviti e riceverai le ultime novità ogni mese comodamente nella tua mail!

Attività a cui sei interessato

Ti potrebbero interessare anche ...

test guanti da alpinismo Black Diamond
Andrea

Black Diamond Session Knit

Guanti da alpinismo con struttura ibrida in pelle e in tessuto elastico a maglia.

Test Aku Croda Dfs Gtx
Matteo

Aku Croda Dfs Gtx

Scarpone da alpinismo leggero e preciso sul tecnico e allo stesso tempo comodo anche negli avvicinamenti.

COME SCEGLIERE GLI SCARPONI DA TREKKING

Non perderti le ultime recensioni

Alpinismo, arrampicata, scialpinismo, trail running o trekking? Decidi tu quali recensioni ricevere direttamente nella tua mail!