Recensione Garmont Vetta Tech Gtx

Test Garmont Vetta Tech Gtx
Voto Totale
4.4
  • Comfort e calzata
    (4)
  • Stabilità e precisione
    (4.5)
  • Impermeabilità
    (5)
  • Traspirabilità
    (4)
  • Suola
    (4.5)
Voto Utenti 0 (0 recensioni)

IN SINTESI

Scarpone da trekking rinnovato in vari aspetti, dai materiali alla calzata, garantisce comfort e precisione anche durante attività dal ritmo sostenuto. Resistente grazie alla tomaia in pelle e agli inserti in eFoam, e impermeabile per via della tecnologia Gore-Tex, è adatto ad affrontare anche percorsi più tecnici, come le vie ferrate.

Pro

  • Leggerezza
  • Buona adattabilità della calzata a vari tipi di piede
  • Impermeabilità
  • Precisione su terreni tecnici
  • Buona traspirabilità e termoregolazione

Contro

  • Cucitura difettosa, poi risolta dall’azienda con sostituzione

Premessa

Con Vetta Tech GTX, Garmont unisce in un’unica calzatura esperienza ed innovazione. Il prodotto punta a soddisfare le esigenze delle donne che vogliono uno scarpone versatile per più attività outdoor dalla primavera all’autunno.

Confortevole e flessibile, è adatto ad attività dal ritmo sostenuto e trekking di più giorni con carichi anche pesanti. Allo stesso tempo, è dotato di buona rigidità che lo rende preciso anche per affrontare vie ferrate e terreni più tecnici.

Scarponi trekking Garmont

Caratteristiche tecniche dei Garmont Vetta Tech Gtx

  • Tomaia in pelle scamosciata da 1,6mm con inserti protettivi in eFoam,
  • Fodera in Gore-Tex Extended Comfort
  • Suola Michelin Offroad
  • Sistema Heel Lock
  • Calzata con tecnologia A.D.D. Gramont
  • Peso: gr 460 a scarpa (taglia 38)
  • Link al produttore
Scarponi vie ferrate Garmont

Modalità di test

Ho provato questo scarpone principalmente durante il Selvaggio Blu, percorso riconosciuto tra i più impegnativi d’Italia, che si svolge su terreni misti, rocce affilate e presenta anche brevi passaggi di arrampicata fino al IV grado. Le tappe ricoprono circa 10 km al giorno con un dislivello attorno ai 1000-1100 mt. L’ho testato anche in brevi escursioni a bassa quota con la prima neve invernale e poi a fine inverno.

A metà settembre, in Sardegna, durante il giorno il sole scalda ancora come fosse fine estate, ma l’escursione termica si fa sentire durante la notte e nelle prime ore del giorno, quando il sole deve ancora sorgere.

Un altro componente del gruppo ha avuto occasione di provare i miei Garmont Vetta Tech GTX poiché, ahimè, le sue scarpe lo hanno abbandonato e l’unica che aveva delle scarpe di riserva ero io!

Test Garmont Vetta Tech Gtx

Non perderti le prossime recensioni!
Ricevi via mail i test dei prodotti per le attività che pratichi in montagna.

La prova sul campo dei Garmont Vetta Tech Gtx

Il packaging

Apro la scatola e… wow! Degli utilissimi consigli per la cura ed il mantenimento dello scarpone sono presenti all’interno della confezione.

Garmont Vetta Tech Gtx

A proposito di manutenzione, per rendere la calzatura più durevole, nelle parti più delicate e soggette ad abrasioni (puntale e zona del tallone) sono stati inseriti degli inserti in eFoam, una mescola non contenente inquinanti altamente resistente che protegge la tomaia.

La calzata innovativa dei Garmont Vetta Tech Gtx

Garmont ha studiato a fondo l’anatomia del piede durante lo sviluppo di questo scarpone, e la cosa si nota immediatamente. Il taglio dello scarpone è asimmetrico a livello della caviglia: più alto all’interno è più basso all’esterno, per assecondare i movimenti del piede durante la camminata.

Calzata Garmont Vetta Tech Gtx
Anche la tomaia segue il profilo anatomico della caviglia.

La linguetta ha uno spessore eterogeneo, con alcune parti più spesse e altre più sottili, di modo che si adatti al meglio alla forma non simmetrica di caviglia e avampiede. Ho apprezzato molto il fatto di non avere più linguette storte che si muovono durante la camminata.

L’allacciatura che si spinge verso la punta dello scarpone permette una buona regolazione dei volumi, così come la tecnologia Heel Lock permette di regolare al meglio i lacci attorno alla caviglia e al tallone. In 5 giorni di trekking e più di 50 km non ho avuto nessuna vescica.

Garmont Vetta Tech Gtx
L’allacciatura a livello della caviglia con la tecnologia Hell Lock.

Tutto ciò fa parte della filosofia Anatomically Directed Design (A.D.D.) di Garmont, che fa sì che sia la scarpa ad adattarsi al piede e non viceversa.

Alla prima calzata ho provato una bella sensazione di morbidezza sotto al piede: il plantare ecologico Ortholite UltraLite, con una struttura che combina rigidezza all’esterno e morbidezza e ammortizzazione nella parte interna, fa sì che anche dopo ore di camminata il piede non risulti affaticato e stanco.

Suola, grip e precisione

La suola Michelin Offroad è stata duramente messa alla prova dai difficili terreni del Selvaggio Blu ma si è rivelata efficace.

Il resistente battistrada, con tassellatura diversificata in punta e sul tallone per una migliore aderenza e frenata, è dotato di inserti in Fiber Lite per non appesantire lo scarpone. In questo modo lo rende più flessibile agevolando la rullata. Le mescole utilizzate differiscono nelle varie parti della suola per aumentare il grip.

Suola Garmont Vetta Tech Gtx
Tassellatura differenziata sulla punta e sul tallone.

Il sottopiede FrameFlex Mid contribuisce alla stabilità e ad una adeguata rigidezza su terreni più tecnici.

La forma affusolata dello scarpone fa sì che questo risulti stabile e aderente alla roccia in caso di passaggi difficili, fessure, piccole tacchette.

Anche durante i passaggi in arrampicata, la sensazione di confidenza ed aderenza sulla roccia è stata sempre molto buona.

Scarponi donna trekking

Impermeabilità e termoregolazione dei Garmont Vetta Tech Gtx

L’ormai collaudata tecnologia Gore-Tex Extended Comfort rende questo scarpone impermeabile, e in aggiunta, ne migliora anche le capacità di traspirazione e termoregolazione.

Test Garmont Vetta Tech Gtx

In Sardegna sono finita con i piedi a mollo in spiaggia ed il piede è rimasto bene asciutto. Inoltre, ad inizio inverno, dopo una delle prime nevicate, ho utilizzato i Garmont Vetta Tech per una passeggiata a bassa quota ed anche qui, nonostante sia sprofondata nella neve, lo scarpone si è rivelato un’ottima barriera contro l’acqua e l’umidità.

Durante il Selvaggio Blu, con un calzino da trekking estivo, il piede non si è mai surriscaldato troppo e non ho avuto la sensazione di un’eccessiva sudorazione all’interno dello scarpone.

Scarponi donna impermeabili

Assistenza tecnica

Sia io che il mio compagno di trekking, nei giorni di utilizzo, siamo stati infastiditi da una cucitura presente tra la tomaia e la piccola ghetta che contribuisce a rendere la calzata ancora più avvolgente a livello della caviglia.

A fine giornata ci siamo accorti entrambi di avere una piccola escoriazione a livello del tendine d’Achille. Non siamo comunque stati costretti a un cambio scarpe; è bastato semplicemente allentare la tensione dei lacci a livello della caviglia.

Abbiamo segnalato il problema a Garmont che prontamente ha riconosciuto il difetto di fabbricazione e ci ha consegnato un nuovo paio, con il quale il problema non si è più ripresentato.

Vestibilità dei Garmont Vetta Tech Gtx

Nella scelta del numero di scarpe, solitamente mi affido alla tabella taglie che offre il produttore, misurando il piede. Anche in questo caso non ho avuto sorprese sulla calzata: il numero indicato sulla tabella corrispondente alla misura del mio piede si è rivelato essere quello adatto.

Scarpone Garmont Vetta Tech Gtx

Consigliati per

Consiglio i Garmont Vetta Tech alle donne che sono alla ricerca di uno scarpone confortevole ed impermeabile ma allo stesso tempo preciso, ideale per trekking anche con zaini pesanti e su terreni misti e roccia.

Grazie al resistente battistrada con tassellatura diversificata che garantisce un elevato grip, il buon supporto della caviglia durante la camminata e il fascione laterale che lo protegge dall’usura, questo prodotto è adatto anche come scarpa da vie ferrate e da avvicinamento su terreni mediamente impegnativi.

Sei interessato ad altri articoli Garmont?
Test Cimalp Rockfit

Cimalp Rockfit

Un pantalone dal design tradizionale ma di sostanza, per climi freddi e ventosi.

1 risposta

  1. Usate sulla Via Ferrata degli Angeli (Isola di Tavolara – Olbia). Perfetta aderenza anche nei passaggi più tecnici.
    Molto confortevoli. A fine escursione, nonostante fosse la prima volta che le indossavo, non ho avuto nessuna sensazione di affaticamento ai piedi o alle caviglie.
    Senza dubbio un ottima scarpa

Lascia una recensione o un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sending

Hai provato il prodotto? Assegna un voto da 1 a 5

Cerca la recensione

Ultime Recensioni

LA NEWSLETTER
Recensioni scritte da appassionati come te!

Iscriviti e riceverai le ultime novità ogni mese comodamente nella tua mail!

Attività a cui sei interessato

Ti potrebbero interessare anche ...

Test Mammut Lithium 30
Emanuele

Mammut Lithium 30

Zaino leggero per escursionismo dotato di alcune soluzioni di ispirazione alpinistica.

recensione sacco a pelo Ferrino Mystic High Lab
Andrea

Ferrino HL Mystic

Sacco a pelo per alpinismo e trekking con temperature fino a -10° e con clima umido.

ATTREZZATURA PER IL TRAIL RUNNING

Non perderti le ultime recensioni

Alpinismo, arrampicata, scialpinismo, trail running o trekking? Decidi tu quali recensioni ricevere direttamente nella tua mail!