C’é sempre stato un grande dibattito tra scarpe alte e basse per andare in montagna, in particolare in questi anni di esplosione del fenomeno del trail running. Personalmente non sono mai riuscito a schierarmi da una parte o dall’altra e penso che tutto dipenda dal terreno e dal tipo di attività. Riconosco i vantaggi di una scarpa bassa in termini di leggerezza e di stimolo al corretto utilizzo del sistema piede-ginocchio, ma allo stesso tempo ne vedo i limiti quando vi sono esigenze di supporto e di protezione importanti.

Con questo atteggiamento pragmatico ho provato negli ultimi tre mesi le Mountain Trainer GTX, scarpe basse da escursionismo che promettono prestazioni simili alle sorelle “alte”. Le ho usate in escursioni molto diverse: da uscite estive nel Sud Italia, a salite su vie ferrate (Ferrata di Morcate e Ferrata del Centenario) e cime di oltre 3.000 metri, su terreni moderatamente tecnici.

 

I Salewa Mountain Trainer in dettaglio

scarpe Salewa Mountain Trainer 2

Al primo contatto le scarpe hanno una calzata confortevole in cui il piede si sente subito a proprio agio. La pianta è sufficientemente larga e non ricorda le forme affusolate di certe scarpe da approach di derivazione arrampicatoria. Inoltre non vi sono punti di particolare compressione: la scarpa avvolge il piede in modo uniforme.

recensione Salewa Mountain Trainer

La linguetta su cui scorre l’allacciatura è bene imbottita ed ha una struttura a calza elastica avvolgente, quasi di derivazione “trail”. Non ci sono rigonfiamenti fastidiosi sulla parte superiore del piede.

recensione scarpa bassa Salewa

La camminata è fluida, agevolata da una buona rullata e da una suola flessibile e con una discreta ammortizzazione (soletta Ortholite). Un punto di forza è proprio il compromesso tra sensibilità e protezione dalle asperità del terreno, quest’ultima garantita anche dal fascione in gomma.

La Mountain Trainer in arrampicata

Su sentieri rocciosi anche tecnici la scarpa si comporta molto bene e consente di salire sicuri e veloci. Anche passaggi su roccia fino al secondo grado vengono affrontati bene. Su difficoltà maggiori la flessibilità della suola mostra i suoi limiti.

Il sistema 3F di bloccaggio del tallone

In salita il tallone risulta sempre ben bloccato grazie al sistema 3F che si dimostra efficace a stabilizzare la parte posteriore del piede, evitando sfregamenti e vesciche.

La suola della Salewa Mountain Trainer

La suola risulta molto buona su roccia e su terreni anche detritici. Meno performante su fango ed erba bagnata, dove la dentellatura ridotta mostra qualche limite. Intelligenti gli inserti orizzontali nell’incavo del piede, pensati per bloccare la suola sui gradini delle ferrate.

Impermeabilità ottima, grazie alla membrana Gore-Tex Extended Comfort, che si è dimostrata sufficientemente traspirante anche in giornate calde.

In discesa le performance rimangono buone ma con qualche nota d’attenzione su terreni molto sconnessi come pietraie o grossi sfasciumi. Qui le torsioni di una suola dotata comunque di una certa rigidità, associati al taglio basso della scarpa, fanno sì che le sollecitazioni si concentrino sulla pianta del piede. Dopo un paio di discese di questo tipo di oltre 1.300 metri ho sofferto un po’ di arrossamento sulla pianta anteriore.

Un altro piccolo difetto a mio avviso sono i lacci un po’ scivolosi, che spesso necessitano di essere stretti una seconda volta per bloccare bene il piede dentro la scarpa.

 

Conclusioni

A mio avviso la Salewa Mountain Trainer 2 Gtx è un’ottima scarpa bassa da escursionismo, non a caso selezionata da Skialper tra le migliori dell’Outdoor Guide 2020. In quanto scarpa bassa, però, mostra i suoi limiti se utilizzata per dislivelli importanti, soprattutto in discesa su terreno sconnesso e con zaini pesanti.

E’ invece perfettamente a suo agio per utilizzo in avvicinamenti, ferrate e trekking, anche su terreno tecnico, di durata giornaliera e con carichi contenuti.

Prezzo: € 190,00

 

Consulta anche la guida all’attrezzatura per via ferrata.
Ti è piaciuta questa recensione? Per riceverne altre sulla tua mail, iscriviti alle newsletter!