Recensione Beal Legend 8.3

beal legend 8.3
Voto Totale
3.4
  • Manegevolezza
    (4.5)
  • Durabilità
    (4)
  • Prestazione in calata/doppia
    (4)
  • Peso
    (3.5)
  • Impermeabilità
    (1)
Voto Utenti 0 (0 recensioni)

In sintesi

Mezze corde dal diametro intermedio, studiate per alpinismo classico su roccia, multipitch e arrampicata tradizionale. Interessante il rapporto qualità/prezzo, ottenuto rinunciando a trattamenti e costruzioni più costose. Possono essere una soluzione interessante per chi acquista le sue prime mezze, in attesa di alzare il livello e passare a modelli più evoluti.

Pro

  • Affidabili e resistenti
  • Compattezza
  • Manegevolezza
  • Sicure fin dal primo utilizzo

Contro

  • Assenza del segno di metà corda

Le Beal Legend 8.3 mm sono delle mezze corde da roccia della casa francese, dalla quale mantengono lo stile “privo di fronzoli”. Assente qualsiasi trattamento Dry, fanno della maneggevolezza e della compattezza i loro punti di forza.

beal legend 8.3

Caratteristiche tecniche delle Beal Legend 8.3

  • Tipologia: mezza corda
  • Lunghezza: 60 m
  • Diametro: 8.3 mm
  • Peso: 47 g/m
  • Numero di cadute mezza corda: 13
  • Allungamento dinamico: 36%
  • Forza d’arresto: 5,3 kN
  • Disponibili in lunghezza 50 m o 60 m
  • Link al produttore
pacco corde nuove
corde beal impacchettate

Il look delle Beal Legend 8.3

Trattandosi di mezze corde classiche, lunghe 60 m, sono pensate per essere utilizzate nelle vie alpinistiche classiche nelle quali, avendo due colori ben distinti (verde e rosso), si possono “chiamare” con facilità durante la scalata. Il look è classico Beal, diciamo con un richiamo vintage rispetto alle corde fluo mono-colore che troviamo sempre più spesso nei negozi.

corda verde beal legend su zaino

Un rapido confronto con altri modelli

I 47 g/m, quindi, considerato il loro diametro, definiscono un peso nella media della concorrenza. Per confronto le mezze corde Beal Gully, ad esempio, pesano 36 g/m mentre le mezze corde Beal Cobra II pesano 48 g/m. Per cui le Legend sono più pesanti di circa il 23% rispetto alle Gully, ovvero hanno il 23% di materiale in più, mentre sono praticamente dello stesso peso (2% di differenza) rispetto alle Cobra II che comunque hanno un diametro maggiore (8.6). Da questo confronto capiamo che le Beal Legend 8.3 risultano essere più robuste e durevoli rispetto alle Gully (che sono delle corde estreme in termini di diametro e leggerezza) mentre hanno caratteristiche di peso e diametro simili alle Cobra II, dalle quali però differiscono per costruzione e trattamento.

corde beal legend 8.3

Infatti, a differenza delle Cobra II, le Beal Legend 8.3 non sono costruite con la tecnologia Unicore che salda la calza esterna all’anima della corda (ossia l’insieme di tutti i trefoli), impedendo così lo scorrimento della calza e creando un corpo unico. Si tratta quindi di corde che si propongono ad un pubblico di arrampicatori principianti o intermedi che cerca innanzitutto un prezzo accessibile.

testando le corde su un multipitch

Sostenibilità

La Beal per ogni corda dinamica che vende promette di piantare un albero e offre un sistema di raccolta delle corde usate, che poi vengono destinate al riciclo.

Modalità di test

Ho utilizzato le Beal Legend 8.3 durante la primavera del 2024 prevalentemente arrampicando in Valle del Sarca lungo le numerose pareti che questo magnifico scorcio di Trentino offre.

Reel: il test in sintesi

La prova sul campo delle Beal Legend 8.3

Primi utilizzi

La prima cosa che si apprezza fin da subito è che la matassa delle corde nuove si può disfare molto velocemente grazie al sistema Magic Pack: il quale il capo è già preparato già nella confezione e basta tirarlo per sfilare la corda senza che si annodi su se stessa. 

Fin dai primi usi le Beal Legend garantiscono un’ottima scorrevolezza nel dare corda utilizzando sia il secchiello che il mezzo barcaiolo.

Trattenuta del primo e feeling in arrampicata

Ottimo il feeling nel grip di tenuta, specie in caso di bloccaggio durante alcuni passaggi ostici o nel caso la cordata che ci precede sia lenta e costringa a fermarsi.

Ho anche avuto modo di testarle, in qualità di assicuratore, in una situazione di caduta del primo di cordata, in seguito al cedimento improvviso (e totalmente inaspettato) di un appiglio. La forza di arresto unita all’allungamento dinamico hanno consentito un’ottima trattenuta senza conseguenze per me e per la mia compagna che se l’è cavata solo con un po’ di spavento e qualche metro di volo.

testando le corde da primo

Le caratteristiche tecniche delle Beal Legend consentono una buona gestione della sicurezza della cordata poiché gli ancoraggi vengono meno sollecitati grazie all’ottimo allungamento dinamico delle corde in caso di caduta del primo.

dettaglio corda verde

Corde “al naturale”

L’assenza di qualsiasi trattamento rende la corda molto maneggevole e contiene il peso complessivo ma al contempo la espone maggiormente all’umidità e alla polvere, rendendo quindi eventualmente necessario lavare la corda a fine stagione prima di riporla all’ombra in un luogo asciutto. Infatti, dopo una decina di utilizzi, ho notato un leggero ispessimento della corda e una minore (ma davvero contenuta) maneggevolezza rispetto alle prime uscite, probabilmente imputabile alla polvere che si insidia all’interno della calza. Mi ha stupito invece positivamente l’integrità della calza che non ha presentato particolari segni d’usura o “pelucchi”. di alcun tipo.

multipitch ad arco

Prestazione in doppia

Considerata la buona maneggevolezza data dalla morbidezza della calza e l’assenza di trattamenti, temevo che nelle doppie la corda si avvolgesse in parte su sé stessa; ho avuto invece modo di constatare come durante il lancio ci fosse una certa “rigidità”, sebbene inferiore ad altre mezze con trattamento dry con cui ho scalato, che limita questo rischio.

Le asole che si sono formate si sono sempre disfatte con facilità.

mezze corde beal legend 8.3

Peccati non veniali

Unico vero contro di queste corde è la mancanza del segno della metà, rendendo quindi molto difficile avvisare il primo di cordata quando si è raggiunta la metà della corda o, in caso di doppie con un’unica corda, trovare la metà sull’ancoraggio.

Anche io, come l’altro tester Andrea che ha testato le Beal Cobra II, dovrò comprarmi il Beal Rope Marker per segnare la metà delle corde.

arrampicata con beal

Non perderti le prossime recensioni!
Ricevi via mail i test dei prodotti per le attività che pratichi in montagna.

Consigliate per

Mi sento di consigliare le Beal Legend 8.3  a chi si avvicina all’arrampicata su vie lunghe e all’alpinismo su roccia e cerca un prodotto maneggevole e con un buon rapporto qualità/prezzo. Potrebbero essere le prime corde per impratichirsi, fare esperienza e poi eventualmente passare a modelli con tecnologie e trattamenti più completi.

Non si tratta invece di corde indicate per alpinismo invernale o su ghiaccio e neve, considerata l’assenza di qualsiasi trattamento della guaina.

Sei interessato ad altri articoli Beal?

Lascia una recensione o un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sending

Hai provato il prodotto? Assegna un voto da 1 a 5

Cerca la recensione

Ultime Recensioni

LA NEWSLETTER
Recensioni scritte da appassionati come te!

Iscriviti e riceverai le ultime novità ogni mese comodamente nella tua mail!

Attività a cui sei interessato

Ti potrebbero interessare anche ...

La Sportiva Futura
Andrea

La Sportiva Futura

Scarpette con tecnologia “No edge”, particolarmente adatte per l’arrampicata a vista, in falesia e boulder.

Test corda da arrampicata Maxim Equinox Elite
Umberto

Maxim Equinox Elite

Una corda robusta e maneggevole al tempo stesso, ottima per principianti o per progetti iper lavorati.

recensione zaino alpinismo Vaude Rupal
Giulia

Vaude Rupal Light 28

Zaino da alpinismo super leggero e molto stabile, dalla filosofia minimalista.

ATTREZZATURA PER ALPINISMO SU GHIACCIO

Non perderti le ultime recensioni

Alpinismo, arrampicata, scialpinismo, trail running o trekking? Decidi tu quali recensioni ricevere direttamente nella tua mail!