Recensione Marker Cruise 10

marker cruise 10
Voto Totale
4
  • Facilità d'uso
    (4.5)
  • Comportamento in salita
    (4.5)
  • Comportamento in discesa
    (4)
  • Peso
    (2.5)
Voto Utenti 0 (0 recensioni)

In sintesi

Il Marker Cruise 10 è un attacco da scialpinismo classico, pensato per un pubblico che cerca facilità e comfort di utilizzo, grazie a soluzioni pratiche che permettono di gestire salite e discese in modo soddisfacente. Peso non minimale, ma calzata semplificata, buona gestione degli alzatacchi e dello ski-brake e ampio range di regolazione dello spazio scarpone.

Pro

  • Alzatacco regolabile con semplicità in due posizioni
  • Aggancio anteriore guidato da puntale di appoggio
  • Ski-brake con gestione semplificata
  • Slitta di regolazione della talloniera +/- 12,5 mm
  • Regolazione di sgancio fino a 10 DIN
  • Materiali bio plastici

Contro

  • Peso medio-alto
  • Regolazione della taratura solo con chiave torx
  • Larghezza ski brake in sole due misure

La gamma Marker Cruise ha introdotto nuovi attacchi da ski touring con un peso discretamente contenuto e con due modelli: Cruise 12, con un DIN da 6 a 12, e Cruise 10 con un DIN da 4 a 10.

Il prodotto testato in questo caso ha una regolazione massima a 10 DIN. L’attacco è caratterizzato dalla facilità di utilizzo nelle tipiche situazioni di aggancio, di sgancio e di camminata in salita.

Il Marker Cruise può quindi considerarsi fra i prodotti di riferimento per la linea touring, dove velocità di salita e leggerezza non sono sempre prioritarie mentre si vanno a privilegiare le funzionalità di utilizzo. Sono molto apprezzabili gli alzatacchi, in due posizioni di salita oltre alla posizione piatta, che possono essere gestiti con il semplice uso del bastoncino: questo dettaglio gioca sicuramente a favore di quegli sciatori che cercano un attacco che dia il giusto supporto per la fase di salita.

E’ un attrezzo che offre la corretta sicurezza grazie alla regolazione indipendente dello sgancio verticale e orizzontale della talloniera. Ricordando che la taratura dipende, secondo specifiche tabelle, dal peso dello sciatore più attrezzatura e dal tipo di sciata, il Marker Cruise 10 è idoneo per sciate più tranquille di stile ski touring, mentre per chi cerca un attacco per sollecitazioni in stile free touring è da preferire il Marker Cruise 12.

marker cruise con alzatacco

Caratteristiche tecniche del Marker Cruise 10

  • “Design for Sustainability”: utilizzo di materiali bio plastici e riciclati e lubrificazione che non si disperde nell’ambiente
  • Rilascio laterale e verticale della talloniera regolabile su posizioni da 4 a 10 DIN
  • Ski-brake integrato con blocco in salita tramite rotazione della talloniera
  • Posizionamento dello scarpone nel puntale facilitato da un blocco in gomma
  • Talloniera con 3 posizioni di camminata: 0°, 8° e 12°
  • Compensazione attiva della flessione dello sci grazie alla talloniera che compensa con movimento di 7 mm
  • Alloggio per i rampanti
  • Larghezza ski-brake 90, 105 mm
  • Peso massimo sciatore 120 Kg
  • Peso attacco 475 gr, l’uno
  • Link al produttore
attacco marker cruise 10

Modalità di test

Ho testato il Marker Cruise 10 in uscite da scialpinismo di inizio stagione, sulle Alpi, con condizioni di neve dapprima polverosa e invernale e poi ghiacciata e primaverile. I dislivelli sono stati medi, attorno ai 1.000 metri. In un paio di situazioni ho fatto anche test in giornate da sci da pista. L’attacco è stato abbinato ad uno sci Volk Rise Above 88, gamma Touring, e ad uno scarpone Tecnica Zero G Tour Pro. L’approccio alla sciata è stato tipico dello ski touring, senza andare a stressare gli attrezzi con forze al limite anche in considerazione del mio peso totale da vestito con attrezzatura e del limite a 10 DIN di questo modello di Marker Cruise 10.

testando il marker cruise in discesa

La prova sul campo del Marker Cruise 10

Come si presenta

La gamma Marker Cruise rappresenta la somma delle funzioni necessarie per le attività di ski touring: un prodotto solido e semplice da utilizzare. Mi sono piaciuti i materiali in bio plastica e la praticità di gestione degli alzatacchi, così come il blocco dello ski stopper.

talloniera

Il puntale

Un punto di contatto anteriore in gomma morbida, contro cui appoggiare il fronte dello scarpone, assicura di essere in grado di gestire lo step-in in modo rapido e semplice: per far attivare i pin di blocco è infatti sufficiente appoggiare lo scarpone alla gomma davanti alla punta della scarpa e premere in basso. Non ho notato particolari depositi di neve nel meccanismo di blocco-sblocco, ed il rilascio del puntale è facilmente gestibile premendo la leva di blocco con il bastoncino.

puntale attacco

Il sistema di blocco del puntale per la salita è di buone dimensioni, non si rende quindi necessario un particolare sforzo per tirare la leva. Il blocco e sblocco della leva anteriore è eseguibile facilmente sia con le mani che con la manopola del bastoncino, a condizione la stessa abbia una forma a becco.

leva di blocco del puntale

L’alloggiamento del rampant, coltello da neve, è tradizionale ed universale: permette quindi un facile utilizzo di rampanti generici, dotati del comune meccanismo ad innesto laterale. E’ quindi possibile, previa attenzione, applicare il rampant anche a sci indossato semplicemente alzando lo scarpone in punta almeno a 60 gradi.

inserto per rampant

La talloniera del Marker Cruise 10

La talloniera è composta esternamente da materiali plastici ad alta resistenza, e si può impugnare facilmente per le operazioni di rotazione per passare dalla salita alla discesa; non ha spigoli pronunciati che possano creare attriti o pericolosi situazini di taglio per le mani.

Ho trovato la fase di aggancio alle camme, in step-in, comoda per via di una forza opponente limitata il che permette di calzare facilmente lo sci anche su nevi molto soffici, senza dover premere troppo sul posteriore. La talloniera offre un buon rilascio della flessione sullo sci grazie ad una compensazione di 7 mm. 

talloniera

Per gestire la regolazione su diversi scarponi è presente una piastra di regolazione che offre una escursione di 25 mm, sulla quale si aggancia tutta la talloniera; grazie ad un semplice regolazione con un cacciavite a croce si può far avanzare o indietreggiare la talloniera, che ha degli scatti facilmente intuitivi. Trovo questo sistema sempre utile, quando presente, in quanto in questo modo è possibile adattare l’attacco a scarponi di una taglia superiore o inferiore rispetto a quella di riferimento del montaggio; questo è un particolare non trascurabile nel caso di uno sci più attacco che debba servire più persone con misure di piedi simili ma differenti, oppure per uno sciatore che ha più scarponi che potrebbero differire nella lunghezza della pianta.

talloniera marker cruise

Il sistema di regolazione dello sgancio del tallone, l’unico regolabile nell’attacco, è duplice e permette di regolare il rilascio in laterale ed in verticale su posizioni da 4 a 10 DIN. Apprezzabile la doppia regolazione, elemento infatti importante, ho trovato però scomodo dover utilizzare per questa operazione una chiave Torx in quanto non sempre è a disposizione nei kit fai da te e nelle stazioni sciistiche; avrei preferito una chiave a brugola normale.

Regolazione valori di sgancio
Regolazione valori di sgancio

L’alzatacco

Con tre posizioni di camminata, immediatamente intercambiabili, è l’espressione di cosa significa lo ski touring ovvero praticità e facilità di camminata prima di tutto. Non serve abbassarsi, non serve fare operazioni forzate, è sufficiente accompagnare i due alzatacchi in su o in giù con un bastoncino ed il gioco è fatto. L’alzatacco ha due elementi di colori differenti, utili per distinguerli anche visivamente, che permettono di passare alle tre angolazioni: 0°, 8° e 12.

alzatacco

Lo ski-brake

Lo ski-brake è posteriore, di funzionalità tradizionale. Ha un comodo sistema di blocco, al pari di altre case costruttrici: dopo aver ruotato la talloniera in posizione di salita, in modo che le camme siano posteriori all’attacco, è sufficiente premere con lo scarpone affinché i freni si ritraggano e si blocchino le rispettive leve del freno. Al contrario, ruotando la talloniera in posizione di discesa, avviene lo sgancio dello ski-brake e la sua messa in funzione. Un’operazione molto semplice.

ski brake aperto

Il punto di attenzione con questo sistema è dato però dal fatto che quando si passa dalla salita alla discesa, togliendo quindi lo scarpone dall’attacco, il freno rimane in una situazione di  blocco e se si appoggiasse al terreno in questo modo non avrebbe lo ski-brake attivato, in quanto va liberato ruotando la talloniera. Personalmente è la prima operazione che faccio quando tolgo gli sci, ancor prima di infilarli nella neve per poi togliere le pelli, in modo da evitare spiacevoli scivolate dello sci a valle.

ski brake
Lo ski-brake chiuso

Sensazione e prestazione nella sciata

Ho trovato il Marker Cruise 10 stabile e preciso, magari non troppo leggero in salita ma coerente con l’approccio touring. L’assorbimento della flessione dello sci è ben gestito dalla talloniera, aiutando quindi nelle situazioni di compressione e rilascio dello sci evitando che si irrigidisca. Per quanto la talloniera non sia di quelle più minimal, l’attacco non ingombra in modo particolare e il peso è ben distribuito fra il puntale e la talloniera, non andando così inficiare il baricentro generale dello sci durante la sciata. Nell’uso in pista, in una situazione di forte spigolatura, l’attacco si è sganciato il che significa che ha funzionato nella situazione di emergenza. Nel complesso è un attacco completo, che offre funzionalità ed ergonomia richiedendo un po’ di peso.

test marker cruise 10 in discesa

Non perderti le prossime recensioni!
Ricevi via mail i test dei prodotti per le attività che pratichi in montagna.

Consigliato per

Consiglio l’attacco Marker Cruise 10 a chi vuole un attacco di semplice utilizzo e dalle prestazioni affidabili in diverse situazioni. Per chi vuole spingere di più consiglio la versione Cruise 12, che ha performance in discesa maggiori.

Sei interessato ad altri articoli Marker?
test zaino scialpinismo Blue Ice Yagi

Blue Ice Yagi 28

Zaino leggero e funzionale per salite con cambi di assetto e tratti alpinistici.

plum karibou 12

Plum Karibou 12

Attacco da freetouring robusto e dalle interessanti prestazioni in discesa.

Lascia una recensione o un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sending

Hai provato il prodotto? Assegna un voto da 1 a 5

Cerca la recensione

Ultime Recensioni

LA NEWSLETTER
Recensioni scritte da appassionati come te!

Iscriviti e riceverai le ultime novità ogni mese comodamente nella tua mail!

Attività a cui sei interessato

Ti potrebbero interessare anche ...

Test K2 Mindbender 96C
Andrea

K2 Mindbender 96C

Sci strutturato e piacevole con ogni condizione di neve, dalla polvere alla crosta.

Come scegliere gli assicuratori per arrampicata

Non perderti le ultime recensioni

Alpinismo, arrampicata, scialpinismo, trail running o trekking? Decidi tu quali recensioni ricevere direttamente nella tua mail!